Terza Prova - Fisica

  • Materia: Terza Prova - Fisica
  • Visto: 2560
  • Data: 03/06/2012
  • Di: Redazione StudentVille.it

Dedurre la legge di Faraday sul fenomeno dell’induzione elettromagnetica a partire da uno degli esperimenti da lui compiuti, spiegando il ruolo fondam

Spiega brevemente

L’esperimento prevedeva di unire gli estremi di un filo metallico, disposto in modo da formare una bobina di alcune spire ai morsetti di un microamperometro. Poiché non vi è un generatore di corrente, non passa corrente. Avviciniamo alla bobina un polo di un magnete N-S : il microamperometro devia il suo indice, evidenziando il passaggio di corrente. Se si ferma il magnete, l’indice torna a zero, se lo muoviamo, allontanandolo, nella spira passa corrente, che dura per il tempo che il magnete è in moto, però in verso opposto. Concludendo possiamo dire che questa esperienza mette in risalto il fatto che possiamo generare correnti elettriche in un circuito nel quale non vi siano generatori di corrente. A queste correnti diamo il nome di correnti indotte, ed il fenomeno è chiamato induzione elettromagnetica.
La legge di Faraday-Neumann dice che la forza elettromotrice è legata alla variazione del flusso induzione magnetica dalla seguente formula $\Delta \Phi (B)= \Phi_2 - \Phi_1$.

Tags: