Terza Prova - Storia

  • Materia: Terza Prova - Storia
  • Visto: 2269
  • Data: 12/04/2012
  • Di: Redazione StudentVille.it

Il regime fascista operò un controllo capillare della produzione culturale: con quale efficacia?

In 10 righe indica il modo in cui il regime fascista operò una censura sulla produzione culturale.

Durante il periodo fascista, tutti i mezzi di comunicazione furono sottoposti al controllo del Ministero della Cultura popolare. Questo per divulgare sempre più le idee fasciste. Stampa e cinema diffondevano sistematicamente immagini e comunicati che esaltavano le opere del regime e davano importanza anche ai discorsi tenuti dal duce.
Per espandere maggiormente le idee fasciste fu creata, nel 1926, l’opera nazionale balilla: si trattava di un’organizzazione giovanile che dava un’istruzione morale, fisica e politica, basata sui valori del fascismo, ai ragazzi dai 10 ai 18 anni. Successivamente, questa organizzazione fu assorbita nella Gioventù Italiana del Littorio, sorta nel 1937.