Tesine

  • Materia: Tesine
  • Visto: 4185
  • Data: 2008
  • Di: Redazione StudentVille.it

Tesina - Il miraggio come illusione ottica

il fenomeno dell'apparenza e dell'illusione attraverso i capolavori letterari,filosofici,artistici e linguistici

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Tesina: Umanistica[br] Di: erika F. [br] Tipo Scuola: Liceo Linguistico [br][br] [b]Abstract:[/b] [br]CHE COS’E’ IL MIRAGGIO? Il miraggio è un'illusione ottica naturale, che si verifica quando i raggi del Sole incontrano uno strato d'aria più calda rispetto agli strati sovrastanti dove l'aria più fredda è di densità maggiore. Così i raggi di luce subiscono una riflessione totale ed è possibile vedere le immagini come se fossero veramente riflesse al suolo. Ad esempio, nel deserto torrido, siccome si riflette soprattutto il cielo, può sembrare di vedere un lago in lontananza. Questo è il miraggio detto inferiore. Lo stesso fenomeno appare anche in Italia nelle estati molto calde, quando sulle strade asfaltate sembrano apparire delle pozzanghere. Miraggi anche più spettacolari sono quelli superiori, prodotti da una inversione di temperatura all'altezza degli occhi dell'osservatore. In questo caso l'immagine appare riflessa superiormente ed è possibile in questo caso vedere oasi che in realtà si trovano oltre l'orizzonte, così come navi capovolte in lontananza. Quando diversi effetti di miraggio inferiore e superiore si sommano, le immagini degli oggetti all'orizzonte vengono allungate verso l'alto come pinnacoli. Questo miraggio è anche chiamato fata morgana. Miraggio inferiore Miraggio superiore IL FENOMENO DELLA FATA MORGANA In ottica, il miraggio Fata Morgana, in cui l'immagine apparente muta velocemente forma, viene così chiamato per la caratteristica di riprodurre il soggetto a una elevazione dal suolo, proprio come le apparizioni dell'omonimo personaggio della mitologia celtica. Si tratta di un effetto dovuto alla particolare distribuzione dell'indice di rifrazione della luce del sole in diversi strati d'aria e quindi per certi versi analogo al miraggio. La differenza consiste nel fatto che fino ad una certa altezza l'indice di rifrazione assume un valore crescente con essa per poi tornare a diminuire, per questo a differenza del miraggio le immagini sono molto mutevoli e deformate, difficilmente riconoscibili. Per spiegare tale fenomeno è sufficiente immaginare che la luce proveniente da un punto viene per certi versi "spalmata" in verticale e gli oggetti in lontananza assumono le sembianze di torri o pinnacoli.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file