Tesine

  • Materia: Tesine
  • Visto: 5670
  • Data: 2008
  • Di: Redazione StudentVille.it

Tesina - Kandinskij

partendo dalla figura del pittore kandinskij, fondatore dell’astrattismo, analizzo la situazione di arte e artisti nella germania nazista, soffermandomi in particolare sull’esibizione dell’”entartete kunst” (“arte degenerata”). dopo aver

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Tesina: Umanistica[br] Di: Isabella Z. [br] Tipo Scuola: Liceo Classico [br][br] [b]Abstract:[/b] [br]Partendo dalla figura del pittore Kandinskij, fondatore dell’astrattismo, analizzerò la situazione di arte e artisti nella Germania nazista, soffermandomi in particolare sull’esibizione dell’”Entartete Kunst” (“Arte degenerata”). Dopo aver esposto il concetto di arte affermato dall’ideologia del Terzo Reich, tratterò invece la concezione che Kandinskij aveva dell’arte e del suo stretto rapporto con la musica, partendo dal dipinto “Mosca I”. Infine approfondirò la visione “sinestetica” dell’artista russo, illustrando come l’utilizzo della sinestesia sia diffuso anche in altri campi, come quello della letteratura. Cenni biografici Wassilij Vasil’evic Kandinskij nasce a Mosca nel 1866, nella Russia zarista, ma nel 1896, dopo aver scoperto la sua vocazione artistica, decide di trasferirsi a Monaco, uno dei centri culturali più sviluppati. Qui ha l’occasione di entrare in contatto con altri pittori come Paul Klee e con il gruppo impressionista Die Brucke. Il 1910 è una data importante per la maturazione artistica del pittore: egli realizza il Primo acquerello astratto: si tratta del primo dipinto in cui l’autore si propone di non rappresentare nulla di “oggettivo”. Nel 1914, allo scoppio della prima guerra mondiale, si ritira in Svizzera, per poi ritornare in Germania a guerra terminata. Qui, prima a Weimar e poi a Berlino, parteciperà alla vita del Bauhaus, una delle prime scuole di arte moderna. Questa organizzazione formava gli allievi con un metodo didattico rivoluzionario, aprendo gli insegnamenti a tutti i campi dell’espressione artistica e unendo strettamente la pratica e la teoria. Nel 1933 il Bauhaus è costretto a chiudere per volere del regime nazista, affermatosi in quegli anni con la salita al potere di Hitler. Kandinskij si trasferisce in Francia mentre in Germania sue diverse opere vengono messe al bando. Egli morirà il 13 dicembre del 1944 a Neuilly-sur-Seine, nei pressi di Parigi. La sorte di arte e artisti durante il Terzo Reich Nel 1933 il partito nazionalsocialista prende il potere in Germania, quando Hitler viene nominato cancelliere da Hindenburg. Anche il mondo dell’arte risentirà profondamente di questa svolta decisiva, infatti il Fuhrer farà della cultura un efficace mezzo di propaganda da assoggettare alle esigenze del regime.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file