Tesine

  • Materia: Tesine
  • Visto: 3142
  • Data: 2008
  • Di: Redazione StudentVille.it

Tesina - la matematica in ogni disciplina

questo breve lavoro vorrebbe smentire la comune concezione che vede la matematica come una materia astrusa e inutile e vorrebbe invece aiutarci a capire con piccoli esempi come sia presente in ogni momento della nostra vita ed in ogni disciplina, anche q

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Tesina: Scientifica[br] Di: Claudia S. [br] Tipo Scuola: Liceo Classico [br][br] [b]Abstract:[/b] [br]INTRODUZIONE La parola matematica deriva dal greco μάθημα (máthema), traducibile con i termini "scienza", "conoscenza" o "apprendimento"; μαθηματικός (mathematikós) significa invece "appassionato del conoscere". Oggi il termine si riferisce ad un corpo di conoscenze ben definito che basa il suo studio su definizioni precise e procedimenti deduttivi rigorosi. L’attività svolta dai matematici moderni è molto diversa da quella dei primi matematici delle civiltà antiche. Nella preistoria la matematica si basò sul concetto di numero; artefatti preistorici scoperti in Africa ed in Francia, datati tra il 35000 a.C. ed il 20000 a.C., indicano i primi tentativi di qualificazione del tempo e dimostrano che la conoscenza rudimentale di alcune nozioni matematiche precede di tanto l’invenzione della scrittura. Dal XVII secolo in poi nacquero e si svilupparono accademie e società che permisero alla matematica di svilupparsi e di occuparsi anche di verità tutt’altro che evidenti, come potevano essere i numeri, rispondendo ad esigenze immateriali legate anche ad altre discipline come la filosofia o la religione. Un aspetto importante della storia della matematica consiste nel fatto che essa si è sviluppata indipendentemente in culture completamente differenti che arrivarono agli stessi risultati. Spesso un contatto o una reciproca influenza tra popoli diversi ha portato all’introduzione di nuove idee e ad un avanzamento delle conoscenze matematiche. A volte si è invece vista una decadenza improvvisa della cultura matematica presso alcuni popoli che ne hanno rallentato lo sviluppo (come accadde nel medioevo europeo, quando alcuni studiosi cristiani parlarono anche contro questa disciplina). Oggi invece la matematica ha potuto avvalersi dei contributi di persone di tutti i paesi. Possiamo quindi concludere che la matematica, oltre ad essere stata la prima disciplina che, grazie ai suoi metodi di alto rigore e portata, ha raggiunto lo status di scienza, è anche definibile come linguaggio per molti aspetti esemplare strumento per la trasmissione e sistemazione delle conoscenze universali. Il grande Galileo Galilei (1564-1642) diceva a questo proposito: “La matematica è l’alfabeto nel quale Dio ha scritto l’universo”. Prima del XX secolo il numero dei matematici attivi contemporaneamente nel mondo era inferiore al centinaio, i matematici erano di norma benestanti o supportati dai ricchi possidenti. Vi erano pochi impieghi possibili, fra i quali insegnare nelle università o nelle scuole superiori. La professione del matematico divenne realtà solo quando si iniziò a lavorare in gruppo. I centri principali della loro attività erano, Gottinga nella prima metà del secolo, per poi passare negli anni ’50 a Princeton.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file