Tesine

  • Materia: Tesine
  • Visto: 72314
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Tesina sul pessimismo

Il pessimismo nel linguaggio comune, Schopenauer e Leopardi, Apollonio, Lucano, Rousseau, Leopardi e Pascoli, Goya, Gropius e Picasso, Friedrich.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
IL PESSIMISMO: UN MODO DI VIVERE, UN MODO DI PENSARE Sommario Il pessimismo nel linguaggio comune Il pessimismo in filosofia: Schopenauer e Leopardi Il pessimismo nella letteratura greca: Apollonio Il pessimismo nella letteratura latina: Lucano Il pessimismo nella letteratura europea: Rousseau Il pessimismo nella letteratura italiana: Leopardi e Pascoli Il pessimismo nella storia dell'arte: Goya, Gropius e Picasso Ricerca iconografica: Goya, Picasso e Friedrich Il tentativo di inquadramento storico Le opere al di là delle biografie Il pessimismo nel linguaggio comune Nel linguaggio comune si definisce il pessimismo come l'attitudine psicologica a considerare la realtà nei suoi aspetti peggiori o, anche, come la disposizione dell'animo a cogliere soprattutto gli aspetti negativi della vita e della realtà. In senso lato è ogni posizione che insista sulla prevalenza del male sul bene; più precisamente, la dottrina secondo la quale l'esistenza umana è dominata e governata dall'infelicità e dal dolore, e tutta la realtà è assoggettata a una forza cieca e irrazionale. Il pessimismo in filosofia In filosofia il pessimismo è costituito dal tentativo di dare un senso a un'esperienza negativa e dolorosa del mondo e si distingue in "pessimismo empirico", quando la valutazione negativa colpisce solamente il mondo terreno e visibile, in antitesi a un migliore aldilà, e in "pessimismo metafisico" quando la valutazione negativa si estende alla realtà dell'universo. Nell'età classica solo Egesia di Cirene apparve decisamente pessimista. Il filosofo greco, vissuto in Alessandria verso il 300 a. C., trasformò l'edonismo positivo di Aristippo (di cui fu discepolo) in un edonismo negativo: per Egesia il fine ultimo della vita umana è il piacere (come per Aristippo) ma questo viene concepito come stato negativo, ossia come assenza di dolore e di affanno. Ma poiché ciò è molto difficile a conseguirsi nella vita, gli appare desiderabile la morte come insensibilità e tranquillità assoluta, come assenza di ogni dolore. La posizione di Egesia fu piuttosto isolata, ma elementi pessimistici si ritrovano ampiamente nella cultura comune, soprattutto in campo religioso. Ad esempio, ritornando alla suddivisione tra pessimismo empirico e metafisico, il cristianesimo è sicuramente pessimistico nella sua esperienza della vita terrena, ma è ottimistico nella sua concezione universale della realtà, con la prospettiva di un migliore aldilà. Il pessimismo in filosofia: Schopenauer E' quindi empirico, cioè ristretto al mondo dell'immediata esperienza, il pessimismo antico e medioevale, mentre è invece assoluto o metafisico quello della prima metà dell'Ottocento, teorizzato soprattutto da Arthur Schopenauer (1788-1860). In sintesi si può dire che secondo Schopenauer la radice dell'universo è la volontà: ma poiché si vuole in quanto si tende a colmare una mancanza (si desidera ciò che non si ha), a evitare una deficienza e quindi un dolore, il mondo è condannato a un'imperfezione e a un'insoddisfazione eterna. Il dolore è così intrinseco alla volontà e cioè alla vita universale: donde il pessimismo che, necessariamente, discende da questa concezione basata su una valutazione non positiva della natura, concepita come la manifestazione non dell'idea ma della volontà di vivere e quindi vista come lotta e lacerazione continua senza alcun fine, espressione di quel cieco principio che è alla radice di tutte le manifestazioni reali. Il pensiero di Schopenauer si riconnette a quello orientale e alla ascesi buddistica, che considera la volontà dell'individuo come principio del dolore: l'obiettivo è allora il nirvana, cioè quella condizione di suprema salvezza raggiungibile attraverso un progressivo distacco dalle cose del mondo e dalle passioni, fino al punto che, negando la sua volontà particolare che lo contrappone agli altri, l'ind (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file