Utilità

  • Materia: Utilità
  • Visto: 5537
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

L'indagine Storica

Come deve essere l'indagine storica secondo alcuni filosofi.

Come dice Vico, si può conoscere alla perfezione solamente ciò di cui si è artefici, poichè non si potrà  mai capire fino in fondo ciò che studiamo senza aver costruito. Ecco perchè, secondo Vico, bisogna concentrare la propria attenzione sulla storia, intesa come l'insieme dei fatti di cui l'uomo è causa e di cui, in quanto causa, può conseguire una conoscenza davvero soddisfacente.

E il prodotto dell'uomo non può interamente esulare da ogni forma di razionalità , giacchè la ragione è proprio l'elemento che lo contraddistingue da tutti gli altri esseri: ravvisare i legami causali che connettono i vari eventi storici, questo deve essere l'atteggiamento adottato dal filosofo nei confronti della storia. Il portavoce di questa mentalità  fu Hegel, il quale arrivò a nutrire la convinzione che così come è spiegabile razionalmente la caduta di un grave, allo stesso modo la storia debba avere una spiegazione razionale. Più precisamente, dopo che la realtà di una determinata fase storica è giunta al culmine, spetta alla filosofia indagare su di essa, cogliendone i legami razionali tra un evento e l'altro: ecco perchè, secondo Hegel, la filosofia "inizia il suo volo soltanto sul far del crepuscolo ".

Pertanto la storia non dovrà  essere intesa come una pura e semplice catalogazione di date e battaglie, ma come un'indagine filosofica sui fatti, un'interpretazione delle cause che li hanno scatenati, respingendo la possibilità  che la storia possa procedere in modo caotico e avulso da ogni razionalità . Ciò implica che l'indagine storica dovrà  necessariamente essere, in qualche misura, "di parte": e, come disse Croce, " ogni storia ò storia contemporanea ", in quanto la ricerca sul passato è sempre frutto di interessi, domande, curiosità , che nascono dall'oggi. Sempre Croce, a sottolineare lo stretto legame tra le due discipline, afferma la necessità  di rendere "filosofica la storia, ma nell'atto stesso storica la filosofia, e indirizzandola a non altro che a risolvere i problemi che il corso delle cose propone sempre nuovi ".

Per onestà, merita anche di essere menzionata la posizione di Schopenhauer, fortemente antihegeliana: se Hegel e i suoi discepoli (Croce compreso) leggono nella storia lo sviluppo razionale dell'Idea, Schopenhauer, al contrario, afferma che colui che scorge una forma di razionalità  nei fatti storici è simile a chi vede nella forma delle nuvole gruppi di uomini e di animali.